DOPOSCUOLA

Come è organizzato

Le attività in piccolo gruppo hanno una durata di 2 ore, con la supervisione e il supporto di un educatore, con una proporzione di 1 ogni 2/3 ragazzi, in locale insonorizzato e dotato di strumenti informatici, se necessari.

I percorsi sono concordati con la famiglia, sulla base della necessità del ragazzo. Gli educatori del doposcuola, lavorano sotto la supervisione degli psicologi dell’apprendimento che operano nel centro in qualità di clinici e riabilitatori, pertanto non mancano mai le occasioni per il confronto in itinere, consentendo quindi una puntuale e aggiornata evoluzione del quadro complessivo del rgazzo. Viene inoltre data una importanza fondamentale a tutti quegli aspetti dell’autonomia che si traducono nel concreto nell’organizzazione del tempo.

Il ragazzo con DSA ha spesso difficoltà a organizzarsi e gestire il proprio tempo, soprattutto quando non è assistito. Il tempo è una delle risorse più importanti ai fini dell'apprendimento.

È importante stimolare le capacità di stimare il tempo e arrivare a fare delle previsioni. 

Il ragazzo con DSA avrà probabilmente bisogno di un orologio, da muro o da tavolo, analogico o digitale, ma comunque chiaro e visibile dalla sua postazione di lavoro. È importante stimolare la capacità di stimare e quantificare il tempo passato, che servirà per fare una cosa, quello che è stato effettivamente impiegato per fare quella cosa, per arrivare a fare delle previsioni su quanti esercizi si possono fare in un'ora, di quanto tempo si ha bisogno per fare una determinata cosa.

Bisogna imparare a gestire il tempo in modo efficace, anche in base agli impegni extrascolastici. Per organizzare al meglio gli impegni, giornalieri e settimanali, bisogna abituare il bambino all'uso di un diario.

Per un alunno DSA la gestione del diario è complicata perchè non basta scrivere delle cose ma bisogna farlo con ordine e nel modo giusto, sapendo decifrare varie informazioni come: la data, l'ora, il nome della materia. 

Un'altra difficoltà per i DSA consiste nell'organizzazione del materiale scolastico. Spesso per non lasciare nulla a casa tendono a portare tutto con sé. Altra attività importante è quella di pianificare al meglio l'organizzazione del materiale.

Una valida strategia consiste nel suddividere il materiale per aree e non per discipline. Quindi raccogliere il tutto in 3 macroaree: linguistica (italiano, storia, geografia, inglese, francese ecc); scientifica (matematica, scienze e tecnologia); le educazioni (artistica, musicale, motoria).